3 luglio 2020 Sit-in dei pensionati SPI Cgil FNP Cisl UILP Uil della Sardegna

23/06/2020

Le Segreterie regionali SPI FNP UILP della Sardegna dichiarano "I problemi del settore sanitario in Sardegna, a causa dei problemi generati dall’epidemia da covid19, hanno aggravato una situazione che anche prima dell’epidemia era veramente preoccupante, oggi infatti assistiamo al blocco e al rinvio della generalità delle attività sanitarie, specialistiche, ambulatoriali, parkinson, terapie oncologiche, malattie cardio vascolari, interventi chirurgici. Per far fronte a questi problemi abbiamo proposto all’Assessorato della Sanità la risoluzione delle esigenze di quella fascia di popolazione anziana, più fragile ed esposta, da noi unitariamente rappresentata con circa 200.000 iscritti, tra cui: - Il presidio del territorio valorizzando e investendo sulla medicina di prevenzione e territoriale, con nuove assunzioni di medici, infermieri, assistenti sociali, per migliorare l’operatività delle unità sanitarie e l’assistenza domiciliare. - Il miglioramento della rete ospedaliera attraverso degli investimenti in attrezzature biomedicali, onde evitare la mobilità passiva che tanto incide sulla spesa sanitaria regionale. - La ricerca e la definizione di misure idonee a ridurre la condizione di fragilità della salute dei pensionati e delle pensionate, soprattutto di coloro che necessitano di controlli continui e di accertamenti diagnostici e terapeutici. Pertanto, al fine di sensibilizzare la Giunta e il Consiglio Regionale su questi temi, e di essere coinvolti, per la parte che ci riguarda, alla discussione inerente il disegno di Legge di riforma sanitaria, abbiamo deciso unitariamente di convocare un SIT-IN Giovedì 2 luglio 2020 ore 10,00 Consiglio Regionale della Sardegna Cagliari - via Roma 25"

[Approfondisci]

I nostri servizi in tutta sicurezza

04/05/2020

Le sedi dei CAF UIL riaprono in tutta Italia. In sicurezza. Con i nuovi dispositivi sanitari e le misure necessarie a tutelare la salute degli operatori e dei cittadini. Con la competenza, la professionalità e la gentilezza di sempre.
Per presentare il modello 730 Per la dichiarazione dei redditi la scadenza è prorogata al 30 settembre. Ma se si chiede il rimborso, è meglio presentare il 730 prima. Tutti coloro che lo presenteranno entro il 20 giugno avranno il rimborso: nel mese di luglio se dipendenti; nel mese di agosto se pensionati.
Per presentare i modelli Red e InvCiv I pensionati che ricevono prestazioni legate al reddito hanno l’obbligo di dichiarare all’Inps i propri redditi. Il 18 maggio 2020 scadono i termini per presentare le dichiarazioni per la Campagna Red ordinaria 2019 e Solleciti 2018 e per l’Invalidità Civile INVCIV ordinaria 2019 e Solleciti 2018. Relative agli anni 2018 e 2017.
Per rinnovare i bonus elettrico, gas e idrico  I bonus sociali sono uno sconto sulle bollette dell’energia elettrica, del gas e dell’acqua per le persone in condizione di disagio economico e fisico e per le famiglie numerose. I termini per i rinnovi dei bonus elettrico, gas e idrico sono stati prorogati al 31 luglio 2020.
Per la certificazione Isee

 

[Approfondisci]

Barbagallo: un Primo maggio insolito ma siamo qua per dare un messaggio di speranza e di certezze

30/04/2020

“Questo è il mio 50esimo Primo Maggio da militante della Uil ed è il mio 20esimo da dirigente della Uil nazionale, ma non mi era mai capitato di celebrarlo in questo modo così insolito". MESSAGGIO VIDEO

[Approfondisci]

Esecutivo Uil Pensionati 29 Aprile 2020

30/04/2020

Ieri, 29 aprile, si è tenuto in videoconferenza l’Esecutivo nazionale della Uil Pensionati. In apertura, il Segretario generale Carmelo Barbagallo ha ricordato gli iscritti e i dirigenti della Uilp scomparsi in queste settimane a causa del Covid-19, in particolare nelle Regioni più colpite dall’epidemia e soprattutto in Lombardia. Ha evidenziato il ruolo importantissimo che le Uilp regionali e territoriali hanno svolto e stanno svolgendo in questa fase drammatica di emergenza.

[Approfondisci]

Il primo maggio non si ferma: comizio e concertone in formato tv

30/04/2020

Il Covid-19 non ferma il Primo Maggio e non ferma la musica. Vista l’impossibilità di tenere il consueto Concertone a San Giovanni a Roma in occasione della festa dei lavoratori, Cgil, Cisl, Uil hanno deciso, insieme alla Rai, di trasformare l’evento di piazza in un programma televisivo. Quattro ore – dalle 20 alle 24 su Rai3 – di testimonianze, racconti e musica live per rendere omaggio a tutte le lavoratrici e i lavoratori, a tutti gli italiani, che con grande senso di responsabilità stanno affrontando questo periodo difficile di distanziamento sociale. Nel corso della trasmissione, come al solito, i tre Segretari generali, Landini, Furlan, Barbagallo interverranno, brevemente, con un loro messaggio rivolto in particolare ai giovani che ascolteranno il Concertone da casa. Anche il tradizionale comizio, che quest’anno si sarebbe dovuto svolgere a Padova e che è sempre stato trasmesso in diretta a cura del Tg3, quest’anno sarà sostituito da un confronto televisivo con i tre Segretari, in onda sulla stessa rete dalle 12,20 alle 13. “In queste settimane – hanno dichiarato i segretari organizzativi di Cgil e Cisl, Nino Baseotto e Giorgio Graziani e il Segretario generale aggiunto della Uil, Pierpaolo Bombadieri – abbiamo lavorato unitariamente per assicurare che i due “classici” eventi del Primo Maggio fossero, comunque, celebrati, nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti, dando forza ai temi e alle proposte che, nella fase dominata dalla pandemia, sono state il cardine delle posizioni espresse in ogni sede dal Sindacato confederale”. Baseotto, Graziani e Bombardieri hanno, poi, ricordato lo slogan scelto: “Il lavoro in sicurezza per costruire il futuro”. “E` importante, infatti – hanno concluso i tre Organizzativi di Cgil, Cisl, Uil – che il lavoro resti protagonista anche e soprattutto in occasione di questo Primo Maggio: perche´ il lavoro e` la leva fondamentale per restituire una prospettiva credibile al futuro del nostro Paese e di coloro che rappresentiamo”

[Approfondisci]

Covid-19, nasce 800.833.833 il numero verde di supporto psicologico

29/04/2020

Il Ministero della Salute congiuntamente alla Protezione Civile ha attivato un servizio di supporto psicologico attraverso l’istituzione del numero verde: 800. 833.833. Il servizio sarà raggiungibile anche dall’estero attraverso il numero 02.2022873, saranno previste modalità di accesso anche per i non udenti. Lo stesso si prefigge di dare supporto alle persone che hanno bisogno di un supporto emotivo, dare ascolto alle loro fragilità e affrontare i temi della solitudine, i lutti, le incertezze economiche. E’ attivo a partire dal 27 aprile dalle ore 8,00 alle ore 24,00 con professionisti, piscologici, psicoterapeutici, e psicoanalisti che risponderanno al telefono alle richieste di aiuto.

[Approfondisci]

Emergenza Covid-19: pubblicata una guida pratica per chi si prende cura degli anziani

29/04/2020

L'opuscolo realizzato da Iss, Inail e Cepsag offre informazioni sui comportamenti corretti da seguire per tutelare la salute di chi si prende cura delle persone anziane in questo periodo di emergenza da Covid-19. GUIDA PRATICA

[Approfondisci]

Raggiunta intesa per adeguare il Protocollo del 14 marzo

24/04/2020

“È stato un lungo e difficilissimo confronto, giunto sino ai limiti della rottura. Alla fine, siamo riusciti ad evitare che prevalessero posizioni intransigenti e a garantire un efficace adeguamento del Protocollo del 14 marzo. L’obiettivo è quello della graduale ripresa delle attività produttive e dell’economia del Paese, nel rispetto della sicurezza e della salute dei lavoratori, dei pensionati e di tutti i cittadini”. È questo il primo commento, a caldo, del Segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo, sull’esito della lunghissima maratona che, per l’intera nottata, ha visto Cgil, Cisl, Uil e le Associazioni imprenditoriali confrontarsi in merito alle proposte avanzate dal Governo. Poi, all’alba, è stata chiamata in causa la Ministra Catalfo, per decidere, insieme, come rendere esigibile l’applicazione del documento. Si è così ricostituito il tavolo tra tutt’e tre i soggetti che lo avevano avviato nel primo pomeriggio di ieri. Presenti per la Uil anche il Segretario generale aggiunto, Pierpaolo Bombardieri, e le Segretarie confederali Tiziana Bocchi, Silvana Roseto, Ivana Veronese. Sono stati affrontati e definiti, quindi, tutti i capitoli controversi: dal ruolo del medico competente all’istituzione di un comitato territoriale per monitorare e sostenere le piccole aziende nella gestione di questa fase, sino alla sanzione della sospensione dell’attività per le imprese inadempienti. “La Uil - ha sottolineato Barbagallo - ha evidenziato che le richieste sindacali erano scaturite dal carattere “emergenziale” del provvedimento. Ecco perché sono state colte le indicazioni dell’Inail e del Comitato di esperti, così come proposte dal Governo, a tutela della salute di tutti i lavoratori. Alla fine ha prevalso il senso di responsabilità - ha concluso Barbagallo - e sono state adottate le migliori soluzioni che è stato possibile condividere”. Roma, 24 aprile 2020

[Approfondisci]

Documento Protocollo Sicurezza

24/04/2020

Oggi, venerdi 24 aprile 2020, è stato integrato il “Protocollo condiviso di regolazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro” sottoscritto il 14 marzo 2020 su invito del Presidente del Consiglio dei ministri, del Ministro dell’economia, del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, del Ministro dello sviluppo economico e del Ministro della salute, che avevano promosso l’incontro tra le parti.

[Approfondisci]

Sindacati pensionati a governo: coinvolgerci in Fase 2 per anziani

21/04/2020

“Chiediamo di poter essere coinvolti fattivamente nella gestione e nell’organizzazione, nei limiti delle nostre competenze, della cosiddetta Fase 2 per le tante questioni che riguarderanno da vicino la vita di milioni di anziani”.Lo scrivono i Segretari generali nazionali dello Spi, Fnp,Uilp. DOCUMENTO

[Approfondisci]